Respiro

cigarette-468216_1280Commozione (non cerebrale) e perplessità. Ora, dopo Anniversario, passare a un altro post è difficile.

Mi è piaciuto sentire quel senso di complicità tra pellegrini e viandanti, come per dire “sì, noi abbiamo capito”, dandoci di gomito a un capo all’altro della penisola e oltre. Si è creata una condivisione che prescinde da spazio e tempo: abbiamo camminato insieme grazie a quel post.

Mi è piaciuto sapere di aver trasmesso emozioni a chi non ha fatto il Cammino, magari suscitando curiosità. E sono rimasta perplessa perché erano pezzi di un diario scritto di sera, dopo un viaggio con due aerei e un bus e dopo i primi 30 km sui Pirenei: il bello, lo stile, la sintassi erano nascosti dalle sensazioni e dalla voglia di esprimermi, senza vincoli. Anche qui scrivo spesso “come viene”, per darmi respiro, ma non raggiungo mai i livelli di quel diario viola.

Mi è piaciuto sapere che qualcuno avrebbe voglia di leggere anche altre tappe e seguirmi a distanza e in differita.

Piena di gratitudine, posso solo pensarci sopra, fare qualche riflessione – non ora, non subito – e andare avanti e oltre con il filo dei miei pensieri, come onde, come in attesa. Sospesa.

Lasciare anche un po’ di spazi vuoti, una sorta di pausa. E tornare a scrivere ancora, poco prima della partenza per il Brasile, ciò che mi viene, d’istinto e senza fretta. Chissà se riuscirò a riempire il blog anche da là, in modo impulsivo, crudo e grezzo. Di sicuro scriverò sul mio diario, sul mio nuovissimo diario giallo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...