Cammino, ma non arrivo

rail-road-191097_1280“Secondo me crescere è talmente difficile… che la gente decide di sposarsi”.

Ci guardiamo in silenzio. Nessuno di noi si è omologato, come dice lei, e nessuno di noi è sposato e ha figli. Ci rifletto sopra, pensando a chi davvero compie queste scelte con convinzione e consapevolezza e a chi – invece – segue l’andamento, il flusso, ciò che deve essere perché così è ed è sempre stato. La differenza è sottile, ma esiste. Sono inquieta e irrequieta. Sono tenacemente alla ricerca di un senso e di un modo di vivere che renda giustizia a un dono tanto bello. A una meraviglia che – se ci pensassimo bene davvero, fermandoci in apnea – fa scattare un velo di commozione sugli occhi. Respiriamo, amiamo, godiamo della natura e ne siamo coscienti. Possiamo spingerci nell’arte, usare il nostro corpo e la mente per creare, possiamo contemplare e provare piacere. Abbiamo la musica, le opere di ingegno, gli alberi e il mare. Tutto. Ma non sappiamo come e cosa usare per primo, come e cosa guardare, cosa costruire, quali scelte compiere. Abbiamo un timer, abbiamo le limitazioni del tempo. Serve tempo per apprendere, per crescere, per usare mente e mani, serve tempo per creare, lavorare, arrivare alla foce del fiume e bagnarsi i piedi con stupore. E più usiamo il tempo e più smettiamo di stupirci, di meravigliarci. Un treno veloce che strappa un oh a un bambino, fa sbuffare l’adulto per la sua lentezza. Non voglio stupirmi di ogni cosa, vorrebbe dire – forse – che non ho esperienza e memoria. Ma ho questa pretesa tenace di voler attingere appieno alla Bellezza. Tutta la bellezza: anche quella dolorosa, cruenta, forte, disarmante. Voglio che non ci sia spreco, che non si perda l’occasione unica che abbiamo. Non so cosa significhi, non so cosa abbia a che fare tutto questo con la frase appena sentita, ma so che non riesco a seguire quel flusso sociale creato da noi per mettere ordine. So che non trovo, ma preferisco cercare. So che amo, ma non possiedo. So che respiro in tanti modi, ma non mi voglio affannare; so che penso troppo, ma non mi chiudo; cammino, ma non arrivo.

Annunci

7 pensieri su “Cammino, ma non arrivo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...