Scalpello

accessibility-216642_1280Febbraio non gli piace. In questo momento si sente bloccato a metà strada tra la rinascita e il trattenersi. Come quelle sculture, sì, i prigioni di Michelangelo. Una parte di lui è libera, concreta, con le forme e le dinamiche, con i movimenti caldi e puliti. Un’altra parte, non sa bene quanto ci sia là nascosto, è ancora un pezzo informe di marmo. L’altra parte di sé è intrappolata lì dentro e serve uno scalpello, un colpo preciso, duro e forte, ma senza che si esageri: lento e discreto. Rischierebbe di rompere ogni cosa, di distruggere la libertà conquistata. Non più un “chi dite che io sia”, ma “vi dico io chi sono”. Ecco. Annuisce da solo su quel treno. Qualcuno lo osserva, mentre muove le labbra per cantare. Ora è come se fosse anestetizzato: sente solo la parte marmorea. Fermo prima di fare un balzo, in attesa. Vorrebbe saltare, ma non può. Febbraio passa lento, circoscritto dall’inizio del nuovo anno – con tutte le sue aspettative, i bilanci, i propositi, i progetti e quella insensata voglia di novità – e dall’inizio della stagione della resurrezione vitale. Marzo con la sua primavera, la sua Pasqua, le sue verdeggianti sensazioni di innamoramento che si susseguono leggere. Febbraio sta tra due luoghi comuni, due frasi fatte, tra l’incudine e il martello o tra due fuochi fatui. Cosa aspetta? Cosa lo blocca? Niente, si sforza e non ha risposta. Come se per sentirsi in movimento fossero necessarie novità continue e cicliche, che poi, a dirla tutta, sarebbe delirante. Il lavoro è lo stesso, ma vorrebbe di più o di meglio. Sa – e lo sa – che la sua vita è in quelle mani. In quella testa, in quelle gambe trova tutto ciò di cui ha bisogno. Forse. Ma febbraio non è d’accordo: febbraio cerca uno scalpellino, uno scultore. Basterebbe un muratore un poco accorto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...