Di riti e di messe

Non so argomentare
di riti e di messe,
di chiese e di fede
Non so scegliere e non abbraccio alcun credo nel suo totalitarismo.
Medito, scelgo una liturgia, quel frate, una comunità, leggo il Budda, leggo il Vangelo.
Mi scaldo, mi scuoto, mi sento svuotata quando atei praticanti pretendono spiegazioni.
Argomentano con precisione: puntigliosi e ossequiosi, sapendo di aver logica e ragione.
Poi corro davanti al fuoco del cattolico: assurdo discriminare, assurdo il dogma, non condivido la logica del sesso e il denaro.
Ma ahimè a qualcosa credo.
Credo.
Perché senza spiritualità, progetto, anima, incoerenza, mente e sollievo, io non sarei.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...